HOME Casino Online Online Casinos Casino en Ligne Casino en Linea Online Casino Spiele Казино интернета

Nikoweb.org è una Guida Casino Online per i giocatori di giochi di casino su internet. Qui troverai sempre i più sicuri Casino Online, Bonus, Jackpot Progressivi e tanti Casino Games come: Roulette, blackjack, slots, poker, video poker, Ramino, scala 40, burraco, canasta e tanti altri. Include una guida al poker e texas holdem.

 
 
 

Nikoweb.org - Guida Online Casino

Guida Casino Online, News, Gambling Directory - Nikoweb Casino Online

BetClic - Scommesse Sportive - Casino Online - Poker

 
 

 
 

♥ ♦ Benvenuto a Nikoweb.org - La guida ai Migliori Casino Online! ♣ ♠

 
 

Poker Online

BetClic - Scommesse Sportive - Casino Online - Poker

Casinò in Evidenza

Lucky Nugget Casino - Casino Online

Casinò del mese

Casino TitanBet - Casino Online con licenza Italiana aams

Grand Virtual Games

Casino Roma Giochi di Casinò Online

 

Nikoweb.org - Poker - Storia del Poker - Origini del Poker

Regole | Telesina | Poker nel Cinema | Glossario | Consigli | Texas Holdem | 7 Stud Hi-lo | 7 Stud

BetClic - Scommesse Sportive - Casino Online - Poker

Le origini del Poker

Il nome "Poker"

Poker è parola inglese che significa attizzatoio, lo strumento che si usa per attizzare il fuoco e ravvivare la fiamma nel camino. Alcuni vogliono invece collegare il termine poker alla parola poke, termine gergale che in America, Australia e Sudafrica vuol dire "tasca o portafogli" e per estensione gli spiccioli che si è soliti portare addosso. Insomma, già l'etimologia indurrebbe a pensare ad un gioco in cui si scommette ciò che si ha addosso.

La prima sicura testimonianza sul Poker è del 1829 e si trova nelle memorie di viaggio di un avventuriero inglese, George Cowell, reduce da un lungo soggiorno nei territori del West americano. Qui il gioco viene descritto con precisione e appare già provvisto delle regole che lo caratterizzano anche oggi: ogni giocatore riceveva 5 carte, c'era la scommessa sulla combinazione vincente, secondo una graduatoria di combinazioni che è molto simile a quella attuale.

Nel 1858 si ha un prima codificazione delle regole del gioco, con un Regolamento Ufficiale che precisa combinazioni e puntate. Successivamente vennero aumentate le combinazioni e ci fu una lunga discussione sul loro valore e sulla loro gerarchia. Nel 1871 il Poker cominciò a diffondersi in Europa: Robert Schenk, ambasciatore americano in Gran Bretagna, presentò il gioco alla Regina Vittoria durante un ricevimento. Il gioco suscitò grande entusiasmo e fu redatto un regolamento scritto, ad uso del divertimento della nobiltà inglese. In seguito il Poker è divenuto celebre in tutto il mondo ed è entrato a far parte della cultura e del costume ludico di persone di ogni classe sociale.

Le nascite

1. L'origine Persiana

Secondo una tradizione, il Poker deriva con molta probabilità dall' As-Nas, un gioco persiano del XIV secolo. Questo gioco si faceva con un pacchetto di 20 carte: ognuno dei 4 giocatori ne prendeva 5. Le combinazioni erano la coppia, il tris e il colore.

2. L'origine Italiana

Secondo altri il padre naturale del Poker è lo Zarro, un gioco di carte dell'epoca rinascimentale, proibito da Francesco Sforza, duca di Milano, con un editto del 1531: preoccupato del dilagare del gioco d'azzardo con le carte, il duca ordinava la chiusura di tutte le "baraterie", ossia dei locali, pubblici o privati, dove si adunassero persone a giocare "giochi di zarro et altri proibiti". Probabilmente la proibizione contribuì (come sempre accade) alla diffusione del Zarro, che nel XVI secolo conosce una diffusione straordinaria in Italia, ma anche in Francia. Rabelais lo cita nel famoso elenco dei giochi di Gargantua, la regina Caterina de' Medici ne fa il suo passatempo preferito alla corte di Parigi: lo Zarro è giocato un po' dovunque, dai popolani delle città fino al Papa e ai Cardinali di Roma. Mercenari e persone del bel mondo lo avrebbero diffuso in tutta Europa, fino a farlo arrivare in America verso la fine del '700, dove avrebbe cambiato nome e regole, diventando la forma primigenia del Poker.

3. L'origine Francese

Secondo una autorevole scuola di pensiero, nel XVIII secolo i francesi avrebbero tratto ispirazione dallo Zarro per ideare un gioco di scommessa chiamato Poque che ebbe vasta diffusione in seguito nei saloon e sui battelli dell'Ohio e del Mississippi. Il Poque si giocava soltanto con 20 carte di un mazzo francese: Dieci, Jack, Donne, Re, Assi. Il termine "poque" è una contrazione di un vocabolo francese, "pocher", che significa "ingannare l'avversario", ossia bluffare. Con l'acquisto della Louisiana francese da parte del Presidente americano Thomas Jefferson agli inizi dell'800, gli Stati Uniti ottennero non solo gli immensi territori dell'Ovest, ma anche il gioco, molto diffuso in tutti gli strati sociali. Di qui la trasformazione del nome da Pocher a Poker. Ben presto il Poker divenne il gioco più famoso e conosciuto del West americano, soppiantando la voga di altri giochi di scommessa molto popolari, fra cui il Faraone.

4. L'origine Tedesca

Una scuola minore sostiene invece che all'origine del Poker ci sia un gioco tedesco, molto diffuso nel XVII secolo in Germania. Il gioco si chiamava Poken, che in tedesco vuol dire bluff, ossia l'elemento caratteristico del Poker. Le ondate migratorie di migliaia di tedeschi in America nella seconda metà del '700 avrebbero portato con sè questo gioco, poi rapidamente evolutosi nel Poker.

5. L'origine Pellerossa

Il racconto è tratto dal romanzo Passarono di qui di Mario Monti (ed. Bompiani 1981, pag. 392-sgg). Il titolo del romanzo è la frase "pasò por aquì" scolpita nella roccia di El Morro, nel New Mexico, da Juan de Onate, figlio di un governatore spagnolo, che nel 1598 guidò una spedizione nelle pianure americane alla ricerca delle Sette città d'oro. Il protagonista del romanzo è Joshua Kelso, un frontierman che attraversa tutta la cosiddetta "Conquista del West" e racconta gli eventi di cui è stato testimone, dall'inizio alla fine dell'800.

Siamo nel 1887 a Regina (Canada), una piccola città di frontiera dove c'è un grande albergo di lusso, che unisce un ottimo ristorante ad una bisca molto frequentata. Kelso si trova nella hall dell' albergo: sta cercando Poundmaker, un indiano Cree di cui è amico. Un meticcio lo avverte della presenza nel locale di un grande capo Cree: i Cree sono un popolo pellerossa del Canada, indiani di grandi tradizioni, che sono stati protagonisti di una sanguinosa rivolta, repressa duramente dalle truppe inglesi.

Kelso entra nella bisca dell'albergo: il luogo è stracolmo di gente, ma il frontierman nota subito il capo che cerca. E' Poundmaker. "Quando si muoveva, anche attraverso la calca, era impossibile non notarlo, dominava tutti gli altri, che al suo confronto apparivano striminziti... e dunque l'attenzione di quasi tutti era attirata su di lui. Anche perchè i suoi abiti erano, persino qui, piuttosto insoliti: una camicia di seta color crema con una cravatta rossa che si intravvedeva sotto la giacca di pelle bianca. Alti stivaloni da sella arrivavano alle sue ginocchia. Soltanto dopo un attento esame si riusciva a trovare in quest'uomo gigantesco e volgare qualche tratto di quello che era stato uno dei Capi più fieri e stimati dei Cree."
L'indiano è seduto a un tavolo con due mercanti francesi e un cacciatore canadese: questi si rivolgono a lui nella loro lingua e la risposta viene sempre in lingua Cree. I tre cominciano a spiegargli come si gioca a dadi: l'indiano segue la spiegazione, bevendo uno dopo l'altro vari bicchieri di whisky. "La partita cominciò nella solita maniera: i due francesi perdevano qualche soldo. Poi uno di loro tirò fuori dalla tasca una borsa, piccola ma gonfia, e gettò sul tavolo una moneta d'oro... L'indiano prese lentamente a vincere. Ora sembrava il più abile fra i giocatori e accumulava le monete con brontolii di soddisfazione. Kelso vide che i tre si consultavano: offrirono ancora da bere all'indiano, poi sedettero ad un tavolo dove comparvero subito le carte da gioco. L'indiano assentì. Anche a poker gli ci volle poco tempo per dimostrare che era un maestro: in meno di un'ora aveva ripulito varie volte il tavolo..."

L'indiano vince ai tre tutto quanto hanno. Poi si rilassa, offre gentilmente da bere e comincia a raccontare. Tempo prima ha guidato il suo popolo in una ribellione scontrandosi contro le truppe della Regina: ma I cree hanno perso e lui ha trascorso qualche anno in prigione. Lì ha conosciuto un indiano Choktaw, arrestato per truffa. I Choktaw sono una nazione indiana del sud ovest e questo indiano era un campione di giochi nel suo popolo. "Poundmaker raccontava con pazienza: Mai sentita la parola baskatanje? E' un gioco che i Choktaw imparano fin da bambini: si fa con i chicchi di granturco. Bisogna tirarli dritti o storti e si scommette. Chiunque abbia giocato per un po' a baskatanje acquista un'abilità formidabile nel lancio dei dadi."
Poundmaker beve ancora e poi prosegue con orgoglio: "E il poker? Persino il tavolo è un'invenzione dei Choktaw: nel loro paese d'origine ci sono grossi ceppi d'albero che sono stati levigati con il coltello e servono da piano dove poggiare le carte. Le carte sono fatte con tavolette sottili di corteccia dello stesso legno o con strisce di cotone appiattite, su cui sono dipinti i segni dei semi e dei numeri... Poker chiamano i bianchi questo gioco. E Poker è il gioco preferito dei Choktaw. La parola è indiana, della tribù dei Noxubee, un sottoclan del Choktaw: significa cinque rischi o cinque fortune. Nel West, oltre ai Dieci Comandamenti, c'è l'Undicesimo, buono per tutti quelli che amano giocare a carte: dice "non giocare mai a poker con un Choktaw."

Dopo questa lezione i mercati e il cacciatore escono dal locale e cercano di tendere un agguato al capo Cree per riprendersi i soldi perduti. E' un classico: i tre contano sul fatto che l'indiano sia completamente ubriaco. Ma Poundmaker regge benissimo barili di alcool: sicchè quando esce dall'albergo è perfettamente diritto e attento. Il suo atteggiamento risoluto e pericoloso induce i tre a desistere e a fuggir via.

Online Casino Vegas Red  

Casino Vegas Red evoca le atmosfere e l'eccitazione che aleggia a Las Vegas, ed è considerato il prodotto di punta dei mercati in lingua inglese, oltre ad avere una significativa presenza in tutti i principali mercati italiani. Il generoso Bonus di Benvenuto che offre 888€ colpisce immediatamente l'attenzione, mentre l'apparato di supporto è efficiente, preparato e sempre attivo. Oltre 100 giochi di casino Playtech e jackpot altissimi!

Voto: ☻☻☻☻☻☻☻

Visita Vegas Red

Recensione Completa ►

I Migliori Casino Online testati dal nostro staff

Crown Europe Casino - Casino Online

Iscriviti alla Newsletter Clicca Qui

Ramino, Scala 40, Giochi di Carte

Top 5 Casino Online

InterCasino - Giochi di Casino Online

InterCasino

Bonus €250

Sito - Recensione

Jackpot City Casino - Casino Online

Jackpot Casino

Bonus €500

Sito - Recensione

Spin Palace Casino - Casino Online

SpinPalace Casino

Bonus €1000

Sito - Recensione

BetClic - Scommesse Sportive - Casino Online - Poker

BetClic Casino

Bonus €20

Sito - Recensione

Europa Casino Online Bonus

Europa Casino

Bonus € 2400

Sito - Recensione

I Migliori Casino Online

Poker - Texas Holdem - stud poker - casino - sports betting - bingo

Casinò Sicuri Consigliati

 

MicroGaming

 

Playtech Casino

 
 

Lucky Nugget Casino - Casino Online

 

Europa Casino Online Bonus

 
 
 

♥ ♦ ♣ ♠  Torna su   ♥ ♦ ♣ ♠

 

Copyright@ 1998 - 2010 Nikoweb.org Tutti i diritti riservati. Vietato l'uso del Portale ai minori di anni 18.  Mappa del Sito - Contatti

Nikoweb.org è un Portale Guida Casino Online e fa parte del Network Internazionale OCN Casinos. Tutti i Casino Online recensiti hanno la possibilità del gioco Gratis. Nikoweb.org non è responsabile di chi gioca in modalità reale nei paesi in cui la legge non lo permette!